Demo Day di LVenture Group: presentate le startup accelerate dalla XXª edizione di LUISS EnLabs

  • Sono sette le startup in cui ha investito LVenture Group che, dopo 5 mesi di sviluppo, hanno presentato i loro risultati e le prospettive di crescita;
  • Keynote speaker d’eccezione dell’evento, Alexandre Prot, Co-founder e CEO di Qonto, scale-up leader in Europa in ambito business finance management.

Si è tenuto nella serata di ieri il Demo Day di LVenture Group, l’evento finale del Programma di Accelerazione LUISS EnLabs, l’acceleratore di startup della società nato da una joint venture con l’Università Luiss e supportato dai partner Accenture, Intesa Sanpaolo assieme a Intesa Sanpaolo Innovation Center, Meta e Sara Assicurazioni.

Giunto alla sua XXª edizione, LUISS EnLabs ha accelerato dal 2013 ad oggi più di 130 startup che hanno raccolto 125 milioni di euro, di cui 22 milioni di euro investiti direttamente da LVenture Group, e creato oltre 1.800 nuovi posti di lavoro.

«Il nostro Programma di Accelerazione LUISS EnLabs è oggi sempre più attrattivo per le startup early-stage e siamo molto soddisfatti di questo ultimo batch, che ha visto la partecipazione sia di startup internazionali che di realtà imprenditoriali lanciate da founder italiani all’estero. Grazie al contributo dei partner del Programma e dell’intero ecosistema di LVenture supportiamo concretamente la crescita delle startup, basti pensare che il 50% delle startup accelerate nel 2021 ha già raccolto investimenti successivi. Investire nei trend di mercato del futuro è la leva necessaria per lanciare la nuova generazione di imprese tecnologiche del nostro Paese» ha affermato Giulio Montoli, Head of Acceleration and Pre-Seed di LVenture Group.

Il Demo Day ha visto la partecipazione come keynote speaker d’eccezione di Alexandre Prot, Co-Founder e CEO di Qonto, “unicorno” europeo leader nelle soluzioni di business finance management, che ha raccolto 622 milioni di euro. La conversazione con il fondatore di una delle più promettenti scale-up francesi è stata un’importante occasione di confronto tra i diversi ecosistemi e di approfondimento sui processi di fundraising e sugli elementi chiave per il successo di una startup a livello internazionale.

Le sette startup presentate da LVenture Group che hanno sviluppato soluzioni basate sull’Intelligenza Artificiale, la blockchain e gli NFT per cogliere le nuove opportunità di mercato nell’ambito del Web3 e della salute, o innovare settori tradizionali come quello legale e immobiliare sono:

Full Audits, piattaforma web e mobile che aiuta le aziende a digitalizzare e automatizzare i processi di controllo e audit, consentendo una raccolta dati completa e aggiornata;

HEU, piattaforma LegalTech che consente ai professionisti di creare documenti legali più chiari e comprensibili e alle aziende di gestire i contratti più rapidamente;

Hopp, marketplace che mette in contatto le aziende alla ricerca di soluzioni di lavoro ibrido per i loro dipendenti con una rete di co-working distribuita in tutto il mondo;

Houseplus, software PropTech di analisi predittiva per il real estate che consente l’ottimizzazione della gestione del patrimonio immobiliare;

InGeno, piattaforma che, combinando test del DNA con algoritmi proprietari, elabora soluzioni personalizzate a problemi di salute ed esigenze di bellezza e benessere;

Playerself, marketplace per il Web3 in ambito gaming che consente ai content creator di monetizzare i loro asset digitali tramite NFT, interagendo con gli appassionati;

Storykube, piattaforma che facilita e velocizza la scrittura di contenuti online di qualità grazie a un’Intelligenza Artificiale proprietaria.

Giulio Montoli, Head of Acceleration and Pre-Seed di LVenture Group e Alexandre Prot, CEO & Co-founder di Qonto