Prossimamente

LVenture Group riapre la Call di LUISS EnLabs: Investimento fino a 200 mila euro e 5 mesi di supporto a 360° per la crescita sul mercato delle startup.

Si è aperta oggi la seconda call per startup del 2021 di LUISS EnLabs, il Programma di Accelerazione di LVenture Group nato da una joint venture con l’Università Luiss e sostenuto da Accenture, Facebook e Sara Assicurazioni. Tutte le startup digitali early stage con l’ambizione di scalare rapidamente sul mercato possono candidarsi fino al 27 settembre direttamente online al seguente sito internet: accelerationluissenlabs.com.

Le startup selezionate riceveranno un investimento pre-seed fino a 200 mila euro, anche in forza della partnership con Lazio Innova, che co-investe con LVenture Group nelle startup accelerate pronte ad operare all’interno del territorio della Regione Lazio mediante Innova Venture (il Fondo di Venture Capital della Regione finanziato dai fondi strutturali europei del POR FESR 2014/2020).

LUISS EnLabs prevede un percorso di 5 mesi, con oltre 30 ore di formazione in 17 workshop specifici, e una pianificazione serrata secondo la metodologia scrum per perfezionare il modello di business e renderlo scalabile. LVenture Group supporta a 360° le startup grazie al suo approccio “Full-Stack”, mettendo a disposizione il suo team di oltre 40 professionisti con   competenze verticali nei principali ambiti strategici per la loro crescita: dallo sviluppo del prodotto, al branding, al marketing, agli aspetti legali, alla gestione HR e al fundraising. LVenture Group potrà investire fino a 500 mila euro nelle fasi successive nelle startup che concludono con successo il Programma di Accelerazione.

Siamo pronti a selezionare startup con soluzioni digitali, con particolare attenzione a settori come il fintech, l’edtech, o l’hospitality, che adottino tecnologie di impatto come l’intelligenza artificiale per rispondere alle sfide che ci riserva il futuro. Il nostro Programma di Accelerazione mette i Founder al centro, offrendo loro tutto il supporto strategico necessario per aver successo sul mercato e dando un impulso concreto alla loro crescita”, afferma Giulio Montoli, Head of Acceleration di LVenture Group.

A testimoniare la validità del Programma di Accelerazione di LVenture Group Andrea Chirolli, CEO di Futura, startup edtech graduata nell’ultima edizione del Programma, conclusasi lo scorso maggio: “Il Programma di Accelerazione ci ha fornito tutti gli strumenti per standardizzare i nostri processi e concentrarci sulla crescita. Ci ha dato l’opportunità di poter sperimentare ottenendo, in pochi mesi, dei risultati che programmavamo di raggiungere in un anno. Grazie al supporto del team di LVenture abbiamo migliorato i nostri processi di acquisizione crescendo in maniera esponenziale, del 600%”.

A ulteriore sostegno del percorso di sviluppo delle startup selezionate, il Programma mette a loro disposizione un pacchetto di “Tech Perks”, agevolazioni per l’accesso a servizi digitali e crediti per un valore di 2 milioni di euro, con partner come Amazon Web Services, OVHcloud, Hubspot e Stripe. Le startup accederanno inoltre all’ecosistema di LVenture Group, dove potranno confrontarsi con un network di oltre 50 Advisor, CEO in scaleup europee, imprenditori e manager pronti a impegnarsi anche finanziariamente e con la vasta rete di alumni, founder delle oltre 120 startup che hanno partecipato a una precedente edizione del Programma di Accelerazione.  

Per la necessità di chiarimenti sul processo di selezione, il team di accelerazione di LVenture Group mette a disposizione dei Founder delle call one-to-one, prenotabili sul sito internet della call al servizio Startup Touch Base.

Demo Day di LVenture Group: presentate le startup accelerate dalla XIXª edizione di LUISS EnLabs

Dalla tecnologia NFT applicata all’arte digitale, agli assistenti vocali per l’Industria 4.0 sino alle nuove soluzioni di coding per le app, diversi i trend di mercato in cui operano le ultime nove startup lanciate da LVenture Group

Si è tenuto nella serata di ieri il Demo Day di LVenture Group, l’evento conclusivo del Programma di Accelerazione LUISS EnLabs, l’acceleratore di startup della società nato da una joint venture con l’Università Luiss e supportato dai partner Accenture, Facebook e Sara Assicurazioni.

Il Programma di Accelerazione di LVenture Group, giunto alla sua XIXª edizione, ha accelerato dal 2013 ad oggi più di 130 startup che hanno creato oltre 1.800 nuovi posti di lavoro. Le partecipate di LVenture Group hanno raccolto 115 milioni di euro, di cui 22 milioni di euro investiti direttamente dalla società.

«Gli investimenti nelle fasi iniziali creano l’impresa del futuro, con l’opportunità di importanti ritorni. Le startup italiane possono oggi contare su un mercato che sta crescendo, grazie a una platea sempre più ampia di investitori, per accelerare il loro processo di valorizzazione. Vogliamo continuare ad investire nelle startup early-stage e sostenerle nel processo di crescita grazie ai nostri Programmi di Accelerazione, nel digitale seguendo i nuovi trend tecnologici, nel clean tech e in altri settori verticali»,ha affermato Luigi Capello, CEO di LVenture Group.

Le nove startup lanciate da LVenture Group operano nei trend di mercato del momento, come ad esempio quello dei Non Fungible Token (NFT), o degli assistenti vocali nel campo dell’automazione industriale, fino alle soluzioni “low code” per lo sviluppo delle app e al “social shopping”, con attenzione alla sostenibilità.

«Siamo molto soddisfatti della crescita delle startup che oggi presentiamo. I risultati che hanno raggiunto sul mercato, assieme ai capitali che alcune di loro hanno già raccolto – anche da Fondi internazionali – con l’ingresso nel nostro Programma, dimostrano il loro potenziale. Proseguiremo il nostro lavoro a fianco dei Founder, supportandoli a 360° con l’approccio che ci contraddistingue per accompagnarli verso il successo» ha affermato Giulio Montoli, Head of Acceleration and Pre-Seed di LVenture Group.

Le startup presentate presso l’Hub di LVenture Group a una platea selezionata di investitori sono:

Candle Street, piattaforma che consente di creare e acquistare candele profumate personalizzate, ricevendole direttamente a casa in un packaging sostenibile;

Cyclando, piattaforma per la vendita online di viaggi cicloturistici che consente di cercare, comparare e prenotare i migliori tour in biciletta in tutta Europa;

Enzers, servizio online in abbonamento per l’acquisto di pastiglie detergenti per la pulizia della casa che eliminano l’utilizzo di plastiche e microplastiche monouso;

Indaco, marketplace app per l’acquisto di prodotti beauty attraverso un’esperienza interattiva di “social shopping”, grazie a dirette in live streaming e live chat;

Reasoned Art, galleria di criptoarte che certifica la compravendita di arte digitale tramite NFT e tecnologia blockchain, combinando mostre online a eventi fisici;

Screevo, assistente vocale per l’Industria 4.0 e l’automazione industriale che abilita il controllo tramite voce dei macchinari e dei sistemi software;

Teta, app che permette ad aziende e freelance di creare nuove app in maniera semplice e cooperativa, risparmiando tempi e costi di produzione;

We4Guest, SaaS per il settore dell’ospitalità che consente agli hotel di gestire tutte le attività di marketing con un unico software, migliorando i processi e riducendo i costi;

Yuppi, piattaforma che consente alle aziende di pubblicare articoli di content marketing sulle testate e sui blog online più adatti.

La startup della logistica Wetacoo chiude un round di investimento da €750K

Wetacoo €750K

L’impresa offre un servizio per richiedere in pochi click il ritiro, il trasporto, la custodia e la restituzione degli oggetti. Hanno partecipato all’aumento di capitale Lazio Innova, LVenture Group, investitori privati del settore della logistica e business angel

Wetacoo, startup che ha sviluppato una soluzione innovativa di logistica integrata per il ritiro, il trasporto, la custodia e la restituzione degli oggetti, ha chiuso un round di investimento da 750 mila euro cui hanno partecipato Innova Venture, il Fondo di Venture Capital della Regione Lazio gestito da Lazio Innova, LVenture Group, investitori privati del settore della logistica e business angel.

La startup ha sviluppato una piattaforma che consente a privati e piccole aziende di far fronte alla necessità di spazio per la custodia temporanea degli oggetti legata a un trasferimento, una ristrutturazione, o alle ordinarie esigenze di archiviazione o di magazzino. Con pochi click, i clienti di Wetacoo possono richiedere che i loro oggetti vengano ritirati dove e quando preferiscono per poi essere custoditi al sicuro e restituiti quando richiesto. Il tutto, a differenza delle tradizionali aziende di self-storage, gestendo il servizio completamente online e pagando solo per lo spazio effettivamente utilizzato.

Wetacoo è stata lanciata nel 2021 da LUISS EnLabs, il Programma di Accelerazione di LVenture Group nato da una joint venture con l’Università Luiss, e in pochi mesi ha raccolto la fiducia degli investitori che hanno sottoscritto il primo aumento di capitale della startup.

Siamo soddisfatti di questo ulteriore investimento in Wetacoo, una realtà imprenditoriale giovane e dinamica che ha dimostrato – come sempre di più le start-up del nostro territorio sanno fare – che la capacità di portare innovazione digitale in settori anche molto tradizionali può generare nuovi spazi di mercato e opportunità di crescita oltre a rendere più semplice e immediato l’utilizzo di questo tipo di servizi, ha commentato Andrea Ciampalini, Direttore Generale di Lazio Innova.

Nel mondo della logistica le startup stanno assumendo un ruolo cruciale come driver di innovazione, come dimostrano gli investimenti nel settore che nel 2020 hanno superato i 9,5 miliardi di dollari. Questi nuovi player oggi offrono soluzioni in grado di risolvere le criticità emerse in maniera significativa durante il picco dell’emergenza Covid, a partire dalle piattaforme come Wetacoo, che incrociano nuovi bisogni con l’offerta di servizi logistici, modulandoli sulle reali esigenze del cliente. Complimenti al team che, in pochi mesi dal lancio sul mercato, è riuscito a chiudere il primo aumento di capitale”, ha commentato Luigi Mastromonaco, Head of Investments & Portfolio Growth di LVenture Group.

Siamo contenti che investitori istituzionali e privati, di cui diversi provenienti dal mondo della logistica, abbiano deciso di supportare la nostra visione. Puntiamo a rivoluzionare il mondo del self-storage e dei traslochi, portando innovazione in un settore tradizionale e, per molti aspetti, arretrato. Il round appena chiuso rappresenta un passo importante per potenziare ulteriormente la tecnologia della piattaforma e migliorare l’esperienza dei nostri clienti. Inoltre, le risorse immesse permetteranno nei prossimi mesi di espanderci su nuove città”, ha dichiarato Federico Prugnoli, CEO di Wetacoo

Partnership tra Pinv e Fabrick per lo sviluppo della soluzione che digitalizza la gestione finanziaria e amministrativa delle PMI

La sinergia tra le due realtà si riflette anche nell’ingresso di Fabrick nell’azionariato di PINV. All’operazione partecipa anche LVenture Group

Digitalizzare e semplificare la gestione finanziaria e amministrativa delle PMI, questa la mission di PINV che oggi annuncia una nuova partnership con Fabrickrealtà che opera anche a livello internazionale per promuovere l’Open Finance.

La collaborazione porta i vantaggi dell’innovazione finanziaria ad un target molto ampio, fondamentale per l’intera economia. PINV è il software gestionale che permette alle imprese di piccole e medie dimensioni di conoscere in tempo reale i flussi di cassa, gestire gli incassi e i pagamenti, richieste di finanziamenti direttamente dalla piattaforma, collegando tutti i conti bancari e integrando i dati di fatturazione.  Attraverso Fabrick Pass, la startup fintech può accedere ai diversi conti bancari dell’impresa e utilizzare l’account aggregation per fornire servizi di riconciliazione dei pagamenti e di classificazione dei diversi movimenti bancari. La soluzione messa a disposizione da Fabrick permette infatti di utilizzare le API PSD2 pubblicate sulla piattaforma open banking e sfruttare la licenza di Account Information Service Provider in modalità as a service.

Le capacità tecnologiche di PINV e Fabrick si integrano quindi al servizio dell’ottimizzazione dei processi per rendere l’imprenditore consapevole e autonomo nella gestione finanziaria della propria attività. La sinergia tra le due realtà si riflette anche in una collaborazione che prevede l’ingresso di Fabrick nel capitale di PINV, attraverso un’operazione a cui partecipa anche LVenture Group, che ha lanciato la startup con il suo Programma di Accelerazione LUISS EnLabs.

La collaborazione, che segue logiche industriali prima ancora che finanziarie, prende il via in un momento che vede Fabrick fortemente impegnata nell’implementazione di nuove soluzioni pensate per accelerare lo sviluppo dedicato di soluzioni in “white label” che hanno come utenti finali le PMI, garantendo un’esperienza digitale completa, di accesso e consumo di servizi finanziari attraverso un approccio integrato con i loro attuali processi gestionali.

Vincenzo Di Salvo, Co-Founder e CEO di PINV, commenta: “In Fabrick abbiamo trovato un ecosistema di soluzioni la cui modularità ci ha permesso di poter implementare e sviluppare il nostro prodotto. La collaborazione non è solo tecnologica, possiamo infatti attingere ad un importante know how sui sistemi di pagamento digitali e sulla cyber security. La partnership nasce per essere di lungo periodo, l’ingresso di Fabrick nel nostro capitale non è un’operazione solo finanziaria ma anche industriale, con il partner condividiamo la stessa filosofia orientata all’innovazione quale driver di sviluppo per le imprese e per l’economia del Paese. LVenture Group, già acceleratore di PINV, è stata una delle prime realtà a credere in Pinv, la partecipazione a questa nuova operazione di aumento di capitale conferma le potenzialità del progetto”.

Paolo Zaccardi, CEO di Fabrick, aggiunge: “PINV è un progetto di valore, risponde infatti in maniera semplice ed efficace al bisogno di digitalizzazione delle PMI italiane. La convergenza tra operatività gestionale e finanziaria apre le porte ad una gestione più efficiente ed efficace, e avere un unico interlocutore facilita l’operatività e di conseguenza la bancabilità. Questa operazione rispecchia concretamente la nostra volontà di costruire un ecosistema che permetta a tutte le realtà, indipendentemente dalle loro dimensioni, di poter cogliere le opportunità della rivoluzione tecnologica in atto”.

Luigi Capello, CEO di LVenture Group, conclude: “Pinv ha concluso il nostro Programma di Accelerazione a fine 2020 e in pochi mesi è riuscita ad attrarre l’interesse di un player rilevante come Fabrick. Siamo orgogliosi di questa operazione di co-investimento che potrà sostenerne concretamente la crescita. Il fintech è oggi una delle frontiere globali dell’innovazione, sono i dati a dimostrarlo: 52 miliardi di dollari di investimenti solo nel primo semestre 2021. La creazione di campioni nazionali del settore passa necessariamente dalla collaborazione tra startup e player finanziari attenti alla creazione di nuovi modelli di business come Fabrick”.

Deesup chiude un nuovo round di investimento da €1,4M

Deesup chiude round da €1,4M

L’innovativo marketplace specializzato nel resale di oggetti di design second-hand d’alta gamma, che sta rivoluzionando la filiera dell’arredamento in modo etico e sostenibile, ha chiuso il suo secondo round di investimento

Deesup, il primo marketplace per l’acquisto e la vendita di arredi di design iconici e second-hand, ha chiuso un nuovo round di investimento da €1,4M di euro. Il secondo aumento di capitale della startup vede tra i principali investitori il fondo AlicrowdLVenture Group, il Club degli InvestitoriDoorway e LifeGate

“Siamo orgogliosi di avere a bordo investitori che condividono la nostra vision – spiega Valentina Cerolini, CEO e co-founder di Deesup – e di aver ricevuto la fiducia del mercato, anche rinnovata, a investire sul nostro progetto che abbraccia: design di alta gamma, sostenibilità, tecnologia e community di design lovers”.

Insieme ad AZ ELTIF – ALIcrowd, primo ELTIF di venture capital che utilizza anche il crowdfunding per ricercare le aziende oggetto di investimento, istituito da Azimut Investments SA e gestito in delega da Azimut Libera Impresa SGR SpA, in partnership con Mamacrowd la più importante piattaforma italiana per investimenti in equity crowdfunding, tra i finanziatori troviamo LVenture Group, che già nel settembre 2019 aveva guidato, assieme ad alcuni business angel, la chiusura del primo round di investimento da 300 mila euro di Deesup, dopo aver lanciato nel 2018 la startup con il suo Programma di Accelerazione LUISS EnLabs.

Spiega Luigi MastromonacoHead of Investiments & Portfolio Growth di LVenture Group“Deesup ha dimostrato negli anni una crescita costante, con una forte propensione all’internazionalizzazione, portando il design italiano di alta gamma all’estero, da dove proviene una percentuale sempre maggiore dei volumi generati dalla startup. Il modello di business, basato sull’economia circolare, che promuove e facilita la seconda vita degli oggetti di design, rispecchia la nostra vision, attenta alla sostenibilità e all’impatto sociale degli investimenti. Questo nuovo round di investimento e il trend di mercato del second-hand in forte ascesa, assieme alla grande competenza del team, accelererà ulteriormente l’espansione della startup a livello internazionale”.

All’aumento di capitale hanno partecipato il Club degli Investitori, che ha effettuato l’operazione per il tramite della Simon Fiduciaria del Gruppo Ersel, e il portale Doorway, insieme ai gruppi di business angel Angels for Women e Angels for Impact, capitanati da Antonella Grassigli, CEO di Doorway, nonché Business Angel italiano dell’anno per il 2021.

“Abbiamo scelto di sostenere Deesup” – dichiara Antonella Grassigli, CEO di Doorway – “in quanto rappresenta un esempio innovativo di economia circolare che si sposa perfettamente con i nostri obiettivi di Società Benefit e il nostro modello di selezione di investimenti che privilegia aziende che rispondono ai criteri ESG e possono creare valore per la società oltre che per gli investitori”.

Nel ruolo di Champion e in rappresentanza del Club degli InvestitoriAngels for Women e Angels for ImpactPaolo Giolito spiega: “Le metriche realizzate da Deesup hanno dimostrato di essere in grado di attirare in piattaforma ed esaudire un numero sempre crescente di utenti alla ricerca di un oggetto iconico, spesso difficile da trovare, con un servizio a 360° e un’attenzione all’ambiente“.

Tra gli investitori anche LifeGate Way, la partecipata del Gruppo LifeGate, che ha scelto di investire in Deesup ritenendolo un esempio scalabile di modello di economia circolare, innovativo e “sustainable native”. La startup, anche con il supporto del gruppo LifeGate, ha infatti intrapreso un percorso di assessment del proprio modello di business mettendo al centro la sostenibilità, con l’obiettivo di diventare società benefit entro il 2023. 

Deesup continua a registrare una significativa crescita. A oggi la startup conta oltre 100 partnership con player del mondo dell’arredo e nel 2021 ha raddoppiato i risultati di vendita rispetto all’anno precedente, con un carrello medio di oltre 900€. 

Il round di €1,4M, che prevede un finanziamento di 300 mila euro, consentirà a Deesup di perseguire gli obiettivi di crescita internazionale, già avviata nel 2019 a seguito della chiusura del primo round. Con i nuovi fondi la startup lavorerà infatti a consolidare la presenza nei principali Paesi in cui già opera, quali Italia, Germania, Francia e Benelux, per poi espandersi e scalare su nuovi mercati. Non meno importante è lo sviluppo tecnologico della piattaforma, al fine di ottimizzare l’esperienza di acquisto e vendita, ma anche per attrarre nuovi partner Retail e avvicinarli al modello del Resale.

Conclude Daniele Ena COO & co-founder: “Abbiamo ben chiaro il nostro obiettivo di sviluppo nell’ambito del resale e questo secondo round ha sicuramente accresciuto la consapevolezza del ruolo di Deesup nel mercato dell’arredo second-hand di alta gamma. Vogliamo rendere il design accessibile attraverso il riuso e per questo intendiamo esplorare anche nuove strade, senza escludere la sperimentazione del canale fisico”.

Deesup è una startup innovativa che opera seguendo i principi dell’economia circolare, promuovendo e diffondendo il valore etico del riuso del design di alta gamma, come nuovo modello di consumo più sostenibile. Questo avviene estendendo il ciclo di vita dei prodotti di design, limitandone la produzione in eccesso e i costi ambientali (in termini di emissioni di Co2) dell’eventuale smaltimento.

Aeroporti di Roma e LVenture Group lanciano il primo programma di incubazione aeroportuale in Italia

ADR e LVG incubatore aeroportuale

Le startup testeranno il loro prodotto all’interno dell’incubatore in un processo di co-creazione, accedendo agli asset di Aeroporti di Roma e alla metodologia nell’accelerazione d’impresa di LVenture Group per sviluppare sinergie durature con ADR e con tutti i player dell’ecosistema aeroportuale.

Aeroporti di Roma, società che gestisce gli aeroporti di Roma Fiumicino e Ciampino e LVenture Group, holding di Venture Capital quotata in Borsa e tra i principali acceleratori di startup a livello europeo, hanno sottoscritto una collaborazione per realizzare un programma di sperimentazione (Proof of Concept) da sviluppare nel primo Innovation Hub aeroportuale d’Italia, che verrà inaugurato a inizio 2022 al Leonardo Da Vinci a Fiumicino, con uno spazio di 650 metri quadri presso il Terminal 1.

L’obiettivo delle Proof of Concept (PoC) è instaurare un processo di co-creazione tra le startup selezionate e ADR per testare, all’interno dell’ecosistema aeroportuale, i loro prodotti e servizi innovativi. Le startup avranno accesso agli asset e alle risorse di ADR, che supporteranno il test delle soluzioni, il raggiungimento degli obiettivi e lo sviluppo di un rapporto sinergico tra startup con le Business Unit della società. 

LVenture Group gestirà il processo di sperimentazione, mettendo a disposizione delle startup la sua metodologia e il suo know-how nello sviluppo di impresa nelle fasi iniziali, basato su un track record di oltre 120 startup accelerate.

Il percorso è composto da due fasi: Setup e Delivery.

La fase di Setup, della durata di un mese, che consiste nella definizione di tutti gli aspetti che orbitano attorno alle singole PoC, dall’introduzione degli stakeholder coinvolti, alla presentazione degli asset messi a disposizione da ADR e della loro modalità di fruizione. Gli esperti di ADR forniranno il know-how necessario per supportare le startup nella fase di progettazione. A questa seguirà la fase di Delivery, circa quattro mesi intensivi di sviluppo delle PoC, in cui saranno adottate le metodologie tipiche dei programmi di accelerazione di LVenture Group.

A questo programma potranno partecipare tutte le startup con soluzioni innovative nelle sei challenge individuate da ADR: miglioramento della puntualità dei voli e incremento della capacità aeroportuale; sistemi “data driven” di pianificazione e gestione real time delle aree Terminal Airside; riduzione dei consumi energetici o incremento dell’energia da fonti rinnovabili; “passenger digital experience”, servizi digitali al passeggero che ne arricchiscano l’esperienza; automazione dei processi o dei presidi all’interno dello scalo; “omnichannel commerce”, offerte dedicate acquistabili non solo nel punto vendita. 

“Insieme a LVenture Group – ha commentato Emanuele Calà, Vice President Innovation & Quality di Aeroporti di Roma – entriamo nella fase esecutiva della strategia di Open Innovation, basata sulla volontà di creare un ecosistema di cooperazione per traguardare gli obiettivi di transizione energetica e digitale degli Aeroporti di Fiumicino e Ciampino. Oggi siamo pronti a ingaggiare le startup investendo sulle loro idee all’interno dell’Incubation HUB di Fiumicino non solo in termini economici ma soprattutto in termini di know-how e competenze, promuovendo e incentivando lo sviluppo e la crescita di nuove aziende e imprenditori, generando un fenomeno di contaminazione di cui beneficia tutto il sistema aeroportuale nazionale”. 

Siamo orgogliosi di collaborare con Aeroporti di Roma alla realizzazione della loro strategia di Open Innovation, – ha dichiarato Antonella Zullo, Head of Open Innovation di LVenture Group – mettendo a disposizione la nostra esperienza nello sviluppo delle startup nelle fasi iniziali e nella creazione e gestione degli Hub, le piattaforme fisiche che aumentano il tasso di contaminazione funzionale alla loro crescita. Le soluzioni innovative delle startup ricopriranno un ruolo centrale nella trasformazione delle infrastrutture a servizio della passenger experience e della sostenibilità, tra le grandi sfide del futuro”.

Emotiva, la startup che misura le emozioni delle persone grazie all’intelligenza artificiale, chiude un round di investimento da €610K

Emotiva chiude un round da €610K

A investire nella startup deep tech un gruppo di business angel e LVenture Group.

Emotiva ha sviluppato algoritmi in grado di individuare ed analizzare i micromovimenti del volto per estrarre dati utili a migliorare la comprensione dei comportamenti umani

Emotiva, startup deep tech di intelligenza artificiale specializzata nel riconoscimento e nella misurazione delle risposte emotive delle persone, ha chiuso un round di investimento da 610 mila euro cui hanno partecipato una cordata di business angel e LVenture Group.

Accelerata nel 2020 da LUISS EnLabs, il Programma di Accelerazione di LVenture Group, Emotiva ha sviluppato algoritmi di computer vision e machine learning per individuare e analizzare i micromovimenti del volto codificati come Action Units (AUs), unità di movimento di un muscolo o di gruppi muscolari, che configurano l’espressione di un’emozione. 

In forza di questa tecnologia proprietaria la startup ha lanciato la piattaforma SaaS EmPower, strumento di media analytics in grado di misurare i livelli attentivi e le risposte emotive del pubblico, ottenendo in pochi clic insights sulla loro risposta inconscia. Grazie ad EmPower le aziende possono prendere decisioni accurate in merito alle campagne di marketing, utilizzando l’attenzione e il coinvolgimento emotivo come nuove metriche di misurazione per un targeting corretto ed evitare sprechi di budget.

La necessità per le aziende di comprendere più a fondo i processi decisionali dei consumatori è sempre più sentita e la tecnologia di Emotiva rende loro accessibili dati fino ad oggi difficilmente analizzabili: un trend confermato dalla crescita della startup, che solo nel primo semestre 2021 ha più che quadruplicato il fatturato di tutto il 2020. 

Emotiva collabora attivamente con il PHuSE Lab, il dipartimento di Computer Science dell’Università degli Studi di Milano, e con i principali Atenei Italiani nell’ambito della computer vision e della robotica per le attività di ricerca e sviluppo di nuovi modelli algoritmici applicabili anche in altri settori, come l’HRtech e il Fintech.

Come investitori ​​con una notevole esperienza nei settori dei dati aziendali, software, risorse umane e vendite, siamo molto entusiasti di guidare questo round di investimento in Emotiva. L’ampia applicazione della loro tecnologia sta aiutando i clienti della startup a prendere le giuste decisioni di investimento, sulla base di comprovate ricerche scientifiche. Il track record di Emotiva e i progetti entusiasmanti in pipeline confermano la validità del modello di business e l’impressionante margine di crescita”, ha affermato Mark Schwerzel, Business Angel.

Le tecnologie deep tech come l’intelligenza artificiale sono oggi la nuova frontiera globale dell’innovazione, con investimenti nel settore che hanno superato i 60 miliardi di dollari nel 2020 e che si stima possano triplicare entro il 2025. Emotiva ha sviluppato una tecnologia all’avanguardia basata sull’intelligenza artificiale in grado di analizzare le emozioni umane, un tassello fondamentale nei processi decisionali considerando come più del 90% dei nostri comportamenti sia determinato da esse. Nel mondo di oggi è sempre più importante per le aziende poter misurare e analizzare questi dati ad alto valore aggiunto per avere una conoscenza profonda dei consumatori, ottimizzando così i processi ed evitando lo spreco di risorse economiche”, ha affermato Luigi Mastromonaco, Head of Investments & Growth di LVenture Group

Per noi Fondatori, questo round è un primo importante passo che avviene in un momento cruciale di forte crescita. Il percorso intrapreso, con investitori esperti in settori diversificati, è fondamentale per poter affrontare le nuove sfide che si stanno presentando, in un mercato in espansione. Nella consapevolezza che quella di Emotiva è una tecnologia universale, perché gli esseri umani – per dirla con Antonio Damasio – non sono macchine pensanti che si emozionano bensì macchine emotive che pensano”, hanno affermato i soci fondatori Lorenzo Corbo, Andrea Lori e Andrea Sempi.

SME – INSURTECH – Call for Solutions: Insoore e Cyberangels le Startup selezionate da Poste Italiane

Si è conclusa la fase di selezione di “SME Insurtech – Call for Solutions”, finalizzata all’elaborazione di soluzioni tecnologiche e servizi per il mondo assicurativo. Al via la sperimentazione di 3 mesi con le due startup vincitrici.

Poste Italiane continua il proprio percorso in ambito innovazione guardando al mondo delle startup con “SME Insurtech – Call for Solutions”, la prima challenge internazionale per startup già attive sul mercato, incentrata sull’ideazione e sviluppo di tecnologie e servizi per il mondo assicurativo, in partnership con LVenture Group. È un ulteriore passo avanti nella strategia di Open Innovation del Gruppo Poste Italiane volta a costruire un continuo dialogo con tutto l’ecosistema digitale dell’innovazione in Italia e internazionale.

L’obiettivo è ricercare soluzioni digitali a supporto della realizzazione di un’offerta assicurativa per le piccole e medie imprese italiane, nonché clienti di Poste Italiane. Il mercato italiano delle assicurazioni per le PMI è tra i più sotto serviti in Europa ed il 2020 è stato un anno difficile per le piccole e medie imprese che in molti casi hanno visto una forte riduzione del business a causa della pandemia.

Sono due le challenge che “SME Insurtech – Call for Solutions” ha rivolto alle startup: innovazioni di prodotto, che facilitino l’ingaggio delle PMI mediante strumenti digitali, differenziando l’offerta in base alle loro specifiche esigenze; innovazioni per semplificare e velocizzare il processo di gestione dei sinistri, agevolando la comunicazione tra le PMI assicurate e la compagnia.

Una Giuria tecnica ha selezionato 5 startup finaliste che si sono confrontate il 26 ottobre, presentando le loro soluzione innovative in risposta alla sfida lanciata:

Wenalize: startup spagnola che propone una piattaforma di machine learning che consente di raccogliere dati online sui clienti, costruire un indicatore di rischio e abbinare il giusto prodotto assicurativo alle esigenze del cliente;

Insoore: realtà insurtech che opera per la digitalizzazione e l’innovazione del claims management. Insoore ridisegna il processo di gestione dei sinistri per renderlo più efficiente, semplice e veloce per tutti i soggetti coinvolti attraverso una combinazione di infrastruttura tecnologica e community che permette di ottenere un’ottimizzazione dei tempi e dei costi per i clienti e una migliore customer experience per gli assicurati;

Cyberangels: startup milanese che propone un servizio di self check-up assicurativo per aiutare i clienti a capire quali sono i maggiori rischi della loro attività e poter individuare la copertura da proporre;

Mio Assicuratore: startup romana che offre una piattaforma white label che permette di confrontare diverse polizze assicurative a seconda delle esigenze del cliente, aiutando Poste nel matching tra domanda e offerta nel segmento SME;

Akur8: Startup francese che permette attraverso l’utilizzo di AI di identificare il miglior pricing di prodotto sulla base dell’analisi dei dati storici di compagnia e dei trend e evidenze del mercato.

Tra le startup finaliste, Insoore e Cyberangels sono risultate le vincitrici del contest: le 2 aziende innovative avranno l’opportunità di iniziare una sperimentazione con Poste Italiane e Poste Assicura della durata di tre mesi.

La collaborazione con le startup è uno dei punti chiave della strategia di innovazione del Gruppo Poste Italiane, in un’ottica di costante miglioramento delle soluzioni proposte a colleghi e clienti ed a supporto dell’intero sistema Paese, attraverso il confronto con le realtà digitali italiane e internazionali. 

LVenture Group, tra i principali investitori early-stage a livello europeo, con un track record di oltre 120 startup lanciate dal suo acceleratore LUISS EnLabs tra cui promettenti realtà in ambito Insurtech, considera il settore strategico per i suoi investimenti e lo sviluppo delle imprese digitali del futuro:

Siamo molto soddisfatti del risultato della call, che ha coinvolto startup provenienti da tutta Europa e orgogliosi della collaborazione con un player industriale di rilievo in un settore, quello dell’Insurtech, che consideriamo strategico per le nostre attività. Complimenti alle startup vincitrici: siamo convinti che gli use case potranno accelerare la loro crescita e generare grande valore per Poste Italiane”, ha affermato Antonella Zullo, Head of Open Innovation di LVenture Group.

La galleria di criptoarte italiana Reasoned Art chiude un round di investimento da €310K con l’ingresso in LUISS EnLabs, il Programma di Accelerazione di LVenture Group

Reasoned Art certifica la compravendita di opere d’arte digitale tramite NFT e tecnologia blockchain. Ad investire nella startup l’imprenditore e collezionista di arte contemporanea Rosario Bifulco e LVenture Group. 

Reasoned Art, startup società benefit che certifica la compravendita di opere d’arte digitale tramite NFT (Non Fungible Token) e tecnologia blockchain, ha chiuso il suo primo round di investimento di 310 mila euro. Hanno partecipato all’investimento l’imprenditore e collezionista di arte contemporanea, nonché presidente della casa d’aste Finarte S.p.A., Rosario Bifulco e LVenture Group, che ha selezionato la startup per il suo Programma di Accelerazione LUISS EnLabs

L’investimento permetterà al team guidato dai founder Giulio Bozzo (studente di Arte, valorizzazione e mercato dell’Università IULM di Milano) e Andrea Marec (laureato in Economics and Social Sciences all’Università Bocconi di Milano e all’Università Keio di Tokyo) di programmare i prossimi step di crescita. 

Reasoned Art ha organizzato e curato la prima mostra decentralizzata di criptoarte in Italia lo scorso 10 Giugno esponendo le opere di Annibale Siconolfifuse* e Giuseppe Ragazzini negli schermi di 30 edicole di Milano. Le opere sono state successivamente vendute nel corso della prima asta di criptoarte in Italia.

Reasoned Art, lanciata lo scorso giugno al MEET – Digital Culture Center di Milano, è la prima galleria italiana dedicata alla criptoarte: seleziona i migliori artisti digitali sul panorama nazionale ed internazionale, organizza e cura mostre fisiche e virtuali, certifica le opere d’arte digitale consentendone la compravendita attraverso NFT, che svolgono il ruolo di certificato di autenticità, salvato su blockchain. 

“Siamo orgogliosi di poter essere parte attiva dello sviluppo del sistema dell’arte e della cultura digitale in Italia e in Europa. Crediamo fermamente, dopo un periodo buio come quello che abbiamo affrontato, nella rinascita del nostro Paese attraverso un nuovo modo di fruire e vivere l’arte in cui gli spettatori diventano parte attiva del processo di generazione del valore. L’utilizzo consapevole della blockchain rappresenta un punto di svolta per il futuro della nostra società. Ringraziamo LVenture e Rosario Bifulco per il sostegno e per aver condiviso la nostra visione”, hanno affermato Giulio BozzoCEO & Founder di Reasoned Art, e Andrea Marec CFO & CO-Founder di Reasoned Art.

La blockchain e i Non Fungible Token stanno aprendo nuove frontiere nei settori dell’entertainment e di tutte le produzioni artistiche, catalizzando sempre più l’attenzione degli investitori. Siamo convinti che, grazie al digitale e alle nuove tecnologie, la ripartenza del settore artistico e culturale post Covid-19 potrà non solo valorizzare al meglio l’esistente, ma produrre nuova cultura generando valore. Reasoned Art affronta il nostro Programma di Accelerazione con un posizionamento ottimale su questo trend e con un primo aumento di capitale importante per la fase pre-seed”, ha affermato Giulio MontoliHead of Acceleration di LVenture Group.

“Per un appassionato del mondo dell’arte di lunga data, come me, l’ingresso nel mondo della cryptoarte è una naturale evoluzione. L’introduzione dei token NFT sta determinando cambiamenti nel mercato dell’arte in termini di fruizione ma anche di creazione stessa, aprendo enormi possibilità a tutti quegli artisti nuovi e non che sapranno coglierne le molteplici potenzialità. La decisione di appoggiare Reasoned Art nasce dalla volontà di sostenere un progetto innovativo, ponte tra il mondo dell’arte “tradizionale” e il mondo dell’arte “che verrà”, fin dai suoi primi passi. Mi piace l’idea di voler coniugare il fisico ed il virtuale in un unico luogo dove amanti e collezionisti d’arte possano avere uno sguardo rivolto verso il futuro, senza dimenticare l’enorme tradizione artistica che ci accompagna”, ha affermato Rosario Bifulco.

L’investimento si è realizzato tramite la sottoscrizione di strumenti finanziari partecipativi convertibili in quote. I profili legali dell’operazione sono stati curati da Pavesio e Associati with Negri-Clementi, studio leader nel mercato legale e con una specifica specializzazione in diritto dell’arte, con un team composto dal partnerAnnapaola Negri-Clementi e dall’associate Arianna Leonardelli, e con il contributo di Giorgia Ligasacchiart consultant

Digitale e innovazione per la ripartenza dell’Italia: Binario F from Facebook e LVenture Group lanciano il format di eventi #ToTheNext

Una serie di appuntamenti online con ospiti illustri per approfondire gli scenari di cambiamento e le grandi opportunità legate all’innovazione e al digitale per lo sviluppo dell’Italia nella ripartenza post Covid-19, alla luce del Programma Next Generation EU.

Binario F from Facebook, community hub dedicato allo sviluppo delle competenze digitali presente nell’Hub di LVenture Group presso la Stazione Termini di Roma, e LVenture Group, rafforzano le loro sinergie lanciando #ToTheNext, una serie di appuntamenti online per approfondire gli scenari di cambiamento e le grandi opportunità legate all’innovazione e al digitale per lo sviluppo dell’Italia nella ripartenza post Covid-19. Leadership al femminile, rivoluzione green, mobilità sostenibile, politiche giovanili, digitalizzazione per la competitività e futuro della salute alla luce del Programma Next Generation EU le tematiche che saranno affrontate nelle prossime settimane.

Il kick-off di #ToTheNext è previsto per il 29 settembre alle 10.30. Appuntamento sui canali social di Binario F from Facebook e LVenure Group per l’evento di lancio dal titolo “Innovazione e leadership al femminile per la Ripresa”.

Le disuguaglianze di genere hanno oggi forti ripercussioni sulle opportunità degli individui e, conseguentemente, limitano la crescita economica del Paese. Per questo, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza affronta le diseguaglianze di genere in maniera trasversale. In particolare, il PNRR affianca, ai tre assi strategici condivisi a livello europeo (digitalizzazione e innovazione, transizione ecologica e inclusione sociale), tre priorità trasversali, tra cui proprio quella di promuovere la parità di genere, oltre a quella di ridurre le disparità generazionali e a quella di favorire il riequilibrio dei divari territoriali. Si tratta di priorità che non sono affidate a singoli interventi circoscritti, ma perseguite direttamente o indirettamente in tutte e sei le missioni del Piano.

In quest’ottica il primo appuntamento di #ToTheNext desidera esplorare, attraverso il contributo di voci particolarmente autorevoli di Istituzioni e della società civile, lo stato dell’arte della parità di genere in Italia e quali misure possono essere adottate grazie alle indicazioni fornite dal PNRR, con un focus specifico sulla digitalizzazione e sull’innovazione e su come queste ultime possano fornire uno slancio all’empowerment e alla leadership femminile.

Una tavola rotonda virtuale, con interventi di ospiti illustri tra cui Elena Bonetti, Ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia e Chiara Corazza, Special Representative di Women’s Forum per il G7 e G20, che approfondiranno come gli investimenti previsti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza possano dare impulso all’imprenditoria innovativa al femminile, promuovere l’inclusione di genere e valorizzare le energie e i talenti delle giovani imprenditrici.

Facebook Italia e LVenture Group rafforzano le loro sinergie a sostegno dell’imprenditoria innovativa

  • Facebook Italia, presente nell’Hub di LVenture Group con Binario F from Facebook, community hub dedicato alle competenze digitali, è nuovo supporting partner di LUISS EnLabs, l’acceleratore di startup di LVenture;
  • In campo iniziative congiunte tra Binario F from Facebook e LVenture sui temi dell’innovazione e delle competenze digitali: al via #ToTheNext, format di eventi online per approfondire le opportunità di crescita dell’Italia nella ripartenza post Covid-19;
  • Il 29 settembre il primo appuntamento dedicato all’imprenditoria femminile che ospiterà gli interventi di Elena Bonetti, Ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia e Chiara Corazza, Special Representative di Women’s Forum per il G7 e G20.

Facebook Italia e LVenture Group, partner dal 2018 con Binario F from Facebook, community hub dedicato alle competenze digitali ospitato nell’Hub di LVenture Group presso la Stazione Termini di Roma, rafforzano le loro sinergie nel campo dell’innovazione.

Facebook Italia è nuovo supporting partner dell’acceleratore di LVenture Group LUISS EnLabs, nato da una joint venture con l’Università Luiss, che dal 2013 ha accelerato oltre 120 startup. Facebook supporterà la crescita delle startup selezionate da LUISS EnLabs, contribuendo allo sviluppo della nuova imprenditoria digitale e innovativa del nostro Paese.

Sono diverse le iniziative congiunte tra Binario F from Facebook e LVenture Group al via, a partire da #ToTheNext, serie di eventi online dedicata agli scenari di cambiamento e alle grandi opportunità legate all’innovazione e al digitale per lo sviluppo dell’Italia nella ripartenza post Covid-19. Leadership al femminile, rivoluzione green, mobilità sostenibile, politiche giovanili, digitalizzazione per la competitività e futuro della salute alla luce del Programma Next Generation EU le tematiche che saranno affrontate nelle prossime settimane.

Appuntamento il 29 settembre alle 10.30 per l’evento di lancio dal titolo “Innovazione e leadership al femminile per la Ripresa”. Una tavola rotonda virtuale, con interventi di ospiti illustri tra cui Elena Bonetti, Ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia e Chiara Corazza, Special Representative di Women’s Forum per il G7 e G20, che approfondiranno come gli investimenti previsti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza possano dare impulso all’imprenditoria innovativa al femminile, promuovere l’inclusione di genere e valorizzare le energie e i talenti delle giovani imprenditrici. L’evento sarà trasmesso online sui canali social di Binario F from Facebook e LVenture Group.

“Siamo lieti di proseguire la nostra collaborazione con LVenture Group, con cui lavoriamo già dal 2018 per uno dei maggiori progetti che Facebook sta portando avanti in Italia, Binario F, il nostro community hub dedicato allo sviluppo delle competenze digitali. Da anni ci impegniamo per accompagnare le aziende italiane nel percorso verso la trasformazione digitale, ma la crisi economica generata dall’emergenza sanitaria ci ha mostrato quanto questo sia vitale per le imprese e l’economia italianaL’innovazione, che fa parte della nostra mission, è un passaggio obbligatorio per continuare a crescere come Paese ed essere competitivi a livello internazionale, e noi vogliamo continuare ad essere a fianco delle imprese innovative in questo momento così delicato, per far sì che possano sfruttare al meglio le opportunità in arrivo grazie al Next Generation EU”, ha dichiarato Angelo Mazzetti, Head of Public Policy – Italy, Greece, Malta and Cyprus di Facebook. “Con Facebook e Binario F condividiamo la mission di accelerare lo sviluppo del tessuto economico italiano grazie al digitale, abilitando talenti a diventare protagonisti dell’economia del futuro con le loro imprese. Stiamo assistendo a una competizione globale per la nascita e lo sviluppo delle nuove imprese tecnologiche e siamo convinti che l’Italia debba recitare un ruolo di primo piano nello scenario europeo di ripartenza trainato dal piano Next Generation UE. Crediamo che le startup siano il principale volano della rinascita del nostro Paese e la partnership sempre più stretta con un leader globale del digital come Facebook potrà accelerare il loro processo di crescita”, ha affermato Luigi Capello, CEO di LVenture Group.